I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di rapida perdita di denaro a causa della leva finanziaria. Il 75% degli account di investitori individuali perde denaro quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti valutare se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre un rischio elevato di perdere denaro.
US Italiano

Previsione del prezzo del cotone: La materia prima raggiungerà quota $ 1 a libbra?

Da Capital.com Research Team

09:36, 18 November 2021

Previsione del prezzo del cotone

La forte domanda di esportazioni verso la Cina a causa del calo dell'offerta globale ha spinto i futures del cotone alla fine di agosto a un massimo degli ultimi 7 anni e mezzo.

Il 27 agosto, il contratto di cotone di riferimento dell Intercontinental Exchange (ICE) per il prezzo alla consegna di ottobre ha raggiunto i massimi di 7,5 anni a 96,27 centesimi di dollaro per libbra (lb). Sebbene da allora i prezzi siano diminuiti, a settembre si sono mantenuti sopra i 95 centesimi.

Quali sono i fattori che determinano i prezzi del cotone? Quali le prospettive del prezzo del cotone? Continua a leggere per tutto ciò che c’è da sapere. 

Grafico dei prezzi del cotone: cosa è successo finora nel 2021?

Grafico dei prezzi dei future del cotone

I futures del cotone ad inizio anno erano a 77,31 centesimi la libbra e sono aumentati nei primi due mesi dell'anno grazie alla ripresa della domanda post-COVID-19. La tendenza al rialzo è stata interrotta alla fine di febbraio quando l'Europa ha imposto nuove restrizioni nel corso di una terza ondata di COVID-19, contemporaneamente a un picco di casi registrato nei paesi produttori di abbigliamento India e Filippine. Il boicottaggio del cotone proveniente dallo Xinjiang (la regione più importante per la coltivazione del cotone in Cina) da parte dei marchi al dettaglio occidentali non hanno fatto altro che aumentare l'incertezza del mercato. 

Per mantenere la sua quota di mercato di esportazione di abbigliamento, la Cina ha utilizzato cotone estero, portando a un aumento delle importazioni nel paese. La forte domanda cinese ha dato impulso alla quotazione di mercato del cotone e il prezzo è rimbalzato alla fine di marzo. Il contratto del cotone nel 2021 è sceso fino a quota 77,2 centesimi la libbra il 25 marzo prima di risalire a oltre 80 centesimi all'inizio di aprile. 

Il rally degli ultimi mesi ha spinto i prezzi del cotone oltre il livello di 95 centesimi, ma è rimasto significativamente al di sotto del livello record del 2011 quando ci fu una carenza di offerta a livello globale. Leggendo il grafico dello storico dei prezzi del cotone, il contratto del cotone ICE di marzo ha raggiunto un picco intraday di $ 1,9455 la libbra l'11 febbraio 2011.

Esportazioni in Cina ai massimi storici nel MY 20/21

Le esportazioni di cotone degli Stati Uniti in Cina sono aumentate a 1,2 milioni di tonnellate nei primi 11 mesi dell’anno di commercializzazione (MY) 20/21, più che raddoppiando rispetto agli 0,47 milioni di tonnellate del MY 19/20. Ciò ha spinto la quota statunitense delle importazioni cinesi di cotone al 45%, secondo i dati del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA).

Esportazioni usa cotone: MY 2019/20 Vs MY 2020/21 

Secondo il rapporto, pubblicato il 10 settembre, "le esportazioni statunitensi in Cina sono state le più elevate degli ultimi otto anni, con la domanda di cotone statunitense guidata principalmente dalla Riserva di Stato cinese".

Il report rendeva noto inoltre che:

“Si stima che il cotone statunitense rappresenti quasi il 90% delle importazioni della Riserva di Stato e quasi la metà delle importazioni totali della Cina nel 2020/21. Invece di rifornirsi dal Brasile, il fornitore principale nei due precedenti anni di commercializzazione, la Riserva di Stato è tornata negli Stati Uniti, in parte facilitata dall'accordo di fase uno".

Si prevede che questa forte domanda di importazione dalla Cina sosterrà la quotazione di mercato del cotone.

In base all'accordo di fase uno firmato nel 2020, gli Stati Uniti taglieranno le tariffe di importazione su alcuni beni cinesi in cambio dell'impegno della Cina ad acquistare più prodotti agricoli, energetici e manufatti americani. 

Inoltre, la Cina affronterà anche le criticità sollevate dagli Stati Uniti sulla proprietà intellettuale. Come parte dell'accordo, la Cina si è impegnata ad aumentare gli acquisti di prodotti e servizi americani di almeno 200 miliardi di dollari tra il 2020-2022.

Secondo le previsioni commerciali trimestrali dell'USDA, le esportazioni agricole statunitensi per l'intero anno (FY) 2021 dovrebbero attestarsi a 173,5 miliardi di dollari, il 24% in più rispetto all'anno precedente e quasi 17 miliardi di dollari in più rispetto al precedente record stabilito nell'esercizio 2014.

Si prevede che le esportazioni di prodotti agricoli e alimentari statunitensi nel 2022 torneranno a quota $ 177,5 miliardi, aumentando del 2,3% cioè di $ 4 miliardi rispetto all'anno record del 2021. 

Il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) ha dichiarato: “Si prevede che le esportazioni verso la Cina raggiungeranno un record di 39 miliardi di dollari a causa dell'aumento dei prezzi della soia e della forte domanda di sorgo e cotone. La Cina dovrebbe rimanere il più grande mercato per le esportazioni degli Stati Uniti, seguita da Canada e Messico".

C'è una forte domanda di importazione di soia, mais e sorgo in Cina, la maggior parte di questi prodotti agricoli vengono utilizzati come mangime per animali. La Cina sta rapidamente ricostruendo la sua popolazione di suini dopo che la peste suina africana ha decimato gli allevamenti del paese nel 2018 e nel 2019.

Il crescente consumo di soia, mais e sorgo nei mangimi per animali in Cina ha spinto i prezzi di questi prodotti agricoli a dei massimi pluriennali. Nonostante gli aumenti del cotone, il suo mercato è rimasto indietro rispetto ai prezzi della soia e del mais. I prezzi più alti di altri prodotti agricoli stanno incentivando gli agricoltori a piantare le colture più redditizie, portando a una minore produzione di cotone negli Stati Uniti nel 2020/2021.

Produzione globale di cotone in calo nel 2020/2021

Secondo i dati dell'USDA, la produzione globale di cotone nel 2020/2021 dovrebbe scendere a 24,471 milioni di tonnellate nella stagione che inizia il 1° agosto, in calo del 7,4% rispetto all'anno precedente. 

XRP/USD

0.54 Price
+4.370% 1D Chg, %
Commissione overnight su posizione lunga -0.0753%
Commissione overnight su posizione corta 0.0069%
Ora commissione overnight 21:00 (UTC)
Spread 0.01168

US100

18,661.20 Price
+0.610% 1D Chg, %
Commissione overnight su posizione lunga -0.0262%
Commissione overnight su posizione corta 0.0040%
Ora commissione overnight 21:00 (UTC)
Spread 7.0

ETH/USD

3,588.11 Price
+13.960% 1D Chg, %
Commissione overnight su posizione lunga -0.0616%
Commissione overnight su posizione corta 0.0137%
Ora commissione overnight 21:00 (UTC)
Spread 6.00

Gold

2,426.34 Price
+0.440% 1D Chg, %
Commissione overnight su posizione lunga -0.0192%
Commissione overnight su posizione corta 0.0109%
Ora commissione overnight 21:00 (UTC)
Spread 0.50

La produzione negli Stati Uniti, il più grande esportatore mondiale per volumi, è crollata a 3,181 milioni di tonnellate, in calo del 26,6% rispetto al 2019/2020.

Si prevede, inoltre, che la produzione in India, il più grande produttore mondiale di cotone, diminuirà dell'1,7% su base annua (anno su anno) arrivando a 6,162 milioni di tonnellate nel 2020/2021. Al contrario, si prevede che la produzione di cotone in Cina aumenterà dell'8,3% su base annua a 6,423 milioni di tonnellate e la produzione in Australia è più che quadruplicata rispetto all'anno precedente arrivando a 610.000 tonnellate l’anno.

Anche la riduzione delle scorte globali di cotone sta condizionando il mercato del cotone. Si prevede che la scorta finale globale scenderà a 91,302 milioni di tonnellate nel 2020/2021, in calo del 7% rispetto all'anno precedente. Le scorte finali sono un indicatore delle scorte in uso; una scorta inferiore indica una domanda maggiore e viceversa.

Migliorare la domanda tessile e la domanda apparente nel 2022

Si prevede che le importazioni cinesi di cotone arrivino a 2,6 milioni di tonnellate nel MY 2021/2022, un calo di 200.000 tonnellate rispetto all'anno precedente, secondo i dati dell'Ufficio cinese per gli affari agricoli.

Si prevede che il consumo di cotone in Cina salirà a 8,7 milioni di tonnellate nel MY 2021/2022, da una stima di 8,6 milioni di tonnellate nel MY 2020/2021. Secondo l'Ufficio cinese degli affari agricoli, l'aumento del consumo è guidato dal miglioramento della domanda nazionale e internazionale di tessili e abbigliamento mentre l'economia globale si riprende dalla pandemia di Covid.

Tuttavia, il rapporto ha avvertito che la domanda di cotone potrebbe essere incerta a causa "dell'impatto economico del COVID-19 sul comportamento dei consumatori e sulle abitudini dei venditori al dettaglio". 

La Cina è il più grande consumatore mondiale di cotone, è responsabile di un terzo del consumo totale dei cotonifici. Tra gli altri grandi consumatori ci sono Bangladesh, Vietnam e Turchia. 

Secondo l'USDA, il consumo globale di cotone dovrebbe aumentare a 46,759 milioni di balle nel 2021/2022, rispetto alla precedente previsione di 46,251 milioni di balle. Si prevede che il consumo aumenterà anche in Pakistan e Bangladesh, mentre la domanda in Vietnam sarà inferiore a causa dei blocchi imposti ai cotonifici.

Prospettive sui prezzi del cotone: cosa si prevede per la soffice materia prima?

Gli analisti di FXStreet hanno affermato che i fondamentali dell'offerta del cotone rimangono rialzisti. Nella loro analisi dei prezzi del cotone, hanno affermato: 

“Riteniamo che lo slancio rialzista continuerà dopo che il prezzo avrà superato la banda superiore del canale di Donchian a 94,5 centesimi la libbra. Questo livello può essere utilizzato come punto di ingresso per effettuare un ordine di acquisto in attesa".

Il fornitore di dati sui prodotti agricoli Mintec ha reso nota una previsione del prezzo del cotone all'inizio di febbraio, suggerendo che il mercato dovrebbe rimanere rialzista quest'anno. Mintec ha dichiarato: “I coltivatori di cotone sono passati a colture più redditizie come la soia e il mais (mais), a causa dell'elevata domanda nel mercato cinese, minando la crescita delle aree coltivate a cotone. Si prevede che una tendenza simile di sostituzione delle colture si verificherà nel 2021/22 MY. La domanda cinese di soia e mais è stata alimentata da un aumento della produzione di mangimi per sostenere l'attività di ricostruzione dello stock di suini del paese”. 

"Pertanto, è probabile che i prezzi del cotone negli Stati Uniti seguano una tendenza rialzista nel 2021".

Tuttavia, la pandemia di COVID-19 e la recrudescenza di nuovi casi continueranno ad alimentare le incertezze sulla ripresa economica globale, dato che i lockdown potrebbero fermare o rallentare le attività manifatturiere e la spesa dei consumatori.

L'associazione industriale statunitense Cotton Incorporated ha osservato in un rapporto di agosto: “Un altro fattore da tenere d'occhio per interpretare l’andamento dei prezzi rimane il COVID 19. La diffusione della variante Delta ha già portato diversi importanti paesi produttori (ad esempio il Vietnam) a introdurre misure di contrasto alla pandemia chiudendo gli stabilimenti”.

“Una prospettiva macroeconomica che prevede una forte crescita del PIL globale suggerisce una domanda sostenuta dei cotonifici. Tuttavia, se diverse località dovessero disporre delle restrizioni a causa della pandemia, la domanda dei consumatori potrebbe risultare compromessa così come la volontà dei produttori di effettuare ordini”.

Quando si considerano i commenti degli analisti, è importante ricordare che le loro stime possono essere sbagliate. Dovresti sempre fare le tue ricerche, avendo cura di considerare tutte le condizioni di mercato rilevanti.

Come iniziare a fare trading sul cotone nel 2021

Qual è la tua visione del mercato? Un modo per scambiare cotone, insieme a numerose altre materie prime, è con i contratti per differenza (CFD) su Capital.com. Il trading di CFD ti consente di speculare sui movimenti del prezzo delle materie prime senza dover possedere l'asset sottostante. 

I CFD ti danno l'opportunità di generare dei profitti da fluttuazioni di prezzo sia positive che negative. Se ti aspetti che il prezzo spot del cotone continui a salire, puoi aprire una posizione lunga, mentre se pensi che diminuirà, puoi aprirne una corta sulla commodity. 

Poiché si servono del meccanismo della leva finanziaria, i CFD sono strumenti ideali per massimizzare i ricavi, che possono essere ingenti su asset volatili come quello delle materie prime. Tuttavia, considera con attenzione il rischio che questo strumento comporta poiché la leva finanziaria può anche amplificare le tue perdite se il prezzo dell'asset diventa sfavorevole alla tua posizione.

Assicurati di comprendere il funzionamento dei CFD prima di investire. Documentati e ricorda sempre che la tua decisione di fare trading dovrebbe essere fatta sulla base della tua propensione al rischio, dell’esperienza che hai in questo mercato, della differenziazione del tuo portafoglio di investimenti e su quanto puoi tollerare eventuali perdite. Inoltre, non dovresti mai investire più di quanto puoi permetterti di perdere.

Scopri di più sui CFD con la nostra guida completa. Crea un account su Capital.com e tieniti aggiornato sulle prospettive, le analisi e le notizie sui prezzi del cotone per individuare le migliori opportunità di trading.

FAQ

Quali fattori possono influenzare il prezzo del cotone?

L'offerta globale di cotone e la domanda di tessili e indumenti sono fattori chiave per i prezzi del cotone. Il cambiamento della domanda dei consumatori e l'interruzione dell'offerta, che potrebbe portare a una minore produzione di cotone, possono condizionare i prezzi. 

Perché il prezzo del cotone aumenta?

I prezzi del cotone sono aumentati quest'anno a causa della ripresa della domanda in un contesto di un’offerta minore. Con la riapertura del commercio internazionale e la ripresa economica dopo le misure di blocco legate al COVID, l'aumento della spesa dei consumatori ha fatto aumentare la domanda di tessili e indumenti. Ciò ha aumentato il consumo di cotone. 

Tuttavia, l'offerta di cotone sta diminuendo poiché gli agricoltori scelgono altre colture più redditizie.

Il cotone è un buon investimento?

Il cotone è una delle principali fibre utilizzate nell'industria tessile. È un materiale chiave per la produzione di abbigliamento, articoli per la casa e prodotti industriali. Tuttavia, se questo rappresenti o meno un buon investimento per te dipende dai tuoi obiettivi di investimento e dalla composizione del tuo portafoglio. Dovresti documentarti personalmente e non investire mai più di quanto puoi permetterti di perdere.

Rate this article

Capital Com is an execution-only service provider. The material provided in this article is for information purposes only and should not be understood as investment advice. Any opinion that may be provided on this page does not constitute a recommendation by Capital Com or its agents and has not been prepared in accordance with the legal requirements designed to promote investment research independence. While the information in this communication, or on which this communication is based, has been obtained from sources that Capital.com believes to be reliable and accurate, it has not undergone independent verification. No representation or warranty, whether expressed or implied, is made as to the accuracy or completeness of any information obtained from third parties. If you rely on the information on this page, then you do so entirely at your own risk.

Sei ancora alla ricerca di un broker di cui ti puoi fidare?

Unisciti agli oltre 610.000+ trader in tutto il mondo che hanno scelto di fare trading con Capital.com

1. Crea e verifica il tuo account 2. Effettua un deposito 3. Trova la tua opportunità