I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di rapida perdita di denaro a causa della leva finanziaria. Il 78.1% degli account di investitori individuali perde denaro quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti valutare se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre un rischio elevato di perdere denaro.
US Italiano

Le Trendline e i Canali in Analisi Tecnica

Da Bruno Moltrasio

10:00, 3 May 2023

Le Trendline e i Canali in Analisi Tecnica
Le Trendline e i Canali in Analisi Tecnica Foto: REDPIXEL.PL / Shutterstock

I canali dei prezzi sono un ottimo supporto per il trading di tutti i giorni. Una volta abituato l’occhio è piuttosto semplice riconoscerli e sfruttarli per aprire o chiudere posizioni, anche con il filtro di un indicatore.

Ovviamente è necessario qualche piccolo accorgimento che vedremo insieme se avrai la pazienza di leggere fino in fondo questo articolo.

Prima di parlare dei canali è però necessario affrontare l’argomento trendline proprio perché per tracciare un canale è necessario saper prima plottare correttamente sul grafico una linea di tendenza.

Osservando un qualunque grafico possiamo notare che durante lo sviluppo di un trend (una tendenza rialzista o ribassista) i prezzi realizzano costantemente minimi e massimi crescenti in caso di tendenza rialzista e decrescenti nel caso opposto.

E’ possibile quindi tracciare una linea di tendenza (trend line) congiungendo questi minimi e massimi con delle rette, come possiamo vedere nell’immagine che segue:

Figura 1 Come si tracciano le trendlines

Come puoi notare la linea verde che congiunge i minimi crescenti del prezzo determina quello che viene definito supporto (trend line di supporto), cioè una serie di livelli dinamici in prossimità dei quali il ritracciamento tende ad arrestarsi e a sorreggere il prezzo che poi riparte verso l’alto riprendendo il trend rialzista in essere.

La linea blu discendente, che viene invece tracciata unendo massimi decrescenti e costituisce una trend line di resistenza, si comporta esattamente al contrario, cioè identifica dei livelli dinamici al di sopra dei quali i prezzi faticano a salire per poi riprendere il trend ribassista precedente così mantenendo la tendenza verso il basso.

In questo caso i livelli sono dinamici proprio perché ogni test avviene a prezzi sempre diversi, maggiori in caso di trendline di supporto (in presenza di un trend rialzista); a prezzi sempre più bassi nel caso di trend line di resistenza (trend ribassista)

In sintesi le trend line non sono altro che dei supporti e resistenze dinamiche che mantengono una tendenza rialzista nel primo caso e una tendenza ribassista nel secondo, tanto che a livello operativo spesso questi livelli di prezzo vengono usati per aprire o chiudere le posizioni.

Ora che abbiamo chiarito cos’è e come si traccia una trend line, possiamo ottenere un canale dei prezzi tracciando una parallela che passi:

  • almeno per un massimo, nel caso di trend line rialzista;

  • almeno per un minimo, nel caso di trend line ribassista.

In questo modo creiamo dei veri e propri canali, all’interno dei quali il prezzo tende ad oscillare per determinati periodi più o meno lunghi, prima di rompere poi in una direzione, al rialzo o al ribasso, esattamente come vediamo in Figura 2.