I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di rapida perdita di denaro a causa della leva finanziaria. Il 75% degli account di investitori individuali perde denaro quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti valutare se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre un rischio elevato di perdere denaro.
US Italiano

Guida al Trading con le divergenze classiche e inverse

Da Bruno Moltrasio

14:44, 3 April 2024

Guida al Trading con le divergenze classiche e inverse.
Guida al Trading con le divergenze classiche e inverse.

Le divergenze nel trading rappresentano una delle analisi più sofisticate e affascinanti per gli operatori di mercato. Si tratta di un fenomeno tecnico complesso che offre preziose indicazioni sulla salute di un trend in corso e sulla possibile futura direzione del mercato.

Esaminiamo più approfonditamente il concetto di divergenza e la sua importanza nell'analisi tecnica.

Definizione di Divergenza: Nel linguaggio comune “divergenza” significa “difformità”, “differenza”. Avere una divergenza di opinioni, ad esempio, equivale a pensarla diversamente in ordine ad un determinato argomento.

Traslato nel trading, in termini molto semplici, per parlare di divergenza dobbiamo mettere a confronto i prezzi e un indicatore tecnico, non importa quale. Ecco allora che una divergenza si verifica quando c'è una differenza tra l'andamento dei prezzi e quello dell’indicatore che abbiamo scelto per la nostra operatività.

Mentre i prezzi possono continuare a seguire una determinata direzione, l'indicatore potrebbe dare segnali di rallentamento della tendenza in essere facendo segnare, in un trend rialzista (in uno ribassista vale l’inverso), massimi decrescenti in corrispondenza dei massimi crescenti dei prezzi.

Questo diverso andamento tra prezzi e indicatore potrebbe indicare una imminente inversione del trend fornendo agli operatori di mercato un importante campanello di allarme sull’indebolimento del trend come possiamo vedere in Figura 1 dove la divergenza precede una immediata correzione del trend rialzista in essere.

C:UsersbrunoAppDataLocalTempSNAGHTML1418d610.PNG

Figura 1. Divergenza ribassista cui segue una correzione della tendenza al rialzo dei prezzi.

I risultati passati non sono indicativi dei risultati futuri

 

Chiariamo subito che è preferibile evitare di utilizzare le divergenze per sé sole come segnale di trading; meglio invece inserirle in una strategia come filtro, valutando anche il contesto del mercato. Insomma le divergenze a nostro avviso andrebbero usate come segnale di allerta per focalizzare l’attenzione del trader sul possibile cambio di scenario del trend in essere che può poi tradursi in una piccola correzione o in altro casi in una vera e propria inversione di tendenza. L’entrata vera e propria sul mercato, quello che si definisce “trigger” deve invece scattare anche in base ad altri parametri rafforzativi del segnale di allerta dato dalla divergenza.

Cause delle Divergenze: Le divergenze si verificano principalmente a causa di una perdita di momentum o forza nel trend di mercato. Nei movimenti finali di un trend, i prezzi possono continuare a muoversi nella stessa direzione, ma con un momentum inferiore rispetto alle fasi precedenti. Questa perdita di momentum non viene sempre riflessa negli indicatori, portando così alla formazione di divergenze.

E’ chiaro che questo differente comportamento dell’indicatore rispetto ai prezzi dipende molto dall’algoritmo di calcolo utilizzato che cerca di catturare anomalie nei prezzi nonostante apparentemente tutto paia procedere con regolarità.

Pensiamo ad esempio ad un oscillatore come lo stocastico che per il suo criterio di calcolo, semplificando, utilizza la chiusura della barra rispetto al suo range: è chiaro che un mercato in trend rialzista può continuare a far segnare nuovi massimi ma se la chiusura delle barre dell’ultimo periodo preso in considerazione non è vicino al massimo fatto segnare da ciascuna barra ecco che l’oscillatore mostrerà un rallentamento, appunto una perdita di momentum.

È importante sottolineare ancora una volta che le divergenze possono essere indicative di un possibile rallentamento del trend, ma non forniscono un segnale definitivo di entrata o uscita dal mercato.

Tipi di Divergenza: Le divergenze possono essere suddivise principalmente in due categorie: divergenze classiche e divergenze inverse (o nascoste o “hidden” dall’inglese).

Gold

2,421.99 Price
-0.180% 1D Chg, %
Commissione overnight su posizione lunga -0.0194%
Commissione overnight su posizione corta 0.0112%
Ora commissione overnight 21:00 (UTC)
Spread 0.50

ETH/USD

3,793.99 Price
+8.280% 1D Chg, %
Commissione overnight su posizione lunga -0.0616%
Commissione overnight su posizione corta 0.0137%
Ora commissione overnight 21:00 (UTC)
Spread 6.00

US100

18,720.90 Price
+0.350% 1D Chg, %
Commissione overnight su posizione lunga -0.0262%
Commissione overnight su posizione corta 0.0040%
Ora commissione overnight 21:00 (UTC)
Spread 1.8

XRP/USD

0.54 Price
+0.760% 1D Chg, %
Commissione overnight su posizione lunga -0.0753%
Commissione overnight su posizione corta 0.0069%
Ora commissione overnight 21:00 (UTC)
Spread 0.01168

Le divergenze classiche si verificano quando i prezzi formano massimi più alti mentre l'indicatore registra massimi decrescenti (divergenza classica ribassista). Naturalmente vale il viceversa nel caso in cui i prezzi formino minimi decrescenti e l’indicatore metta a segno minimi crescenti (divergenza classica rialzista).

Nelle divergenze inverse, al contrario, sono i prezzi che non riescono a formare nuovi massimi mentre l’indicatore registra nuovi massimi (divergenza inversa ribassista. Oppure si hanno i prezzi che formano minimi crescenti a fronte di un indicatore che fa segnare minimi sempre più bassi.

Vediamo in Figura 2 uno schema di divergenze ribassiste

Figura 2. Schema di divergenze ribassiste, classiche e inverse.

Ora vediamo in Figura 3 lo stesso tipo di divergenze ma questa volta rialziste.

Figura 3. Schema di divergenze rialziste, classiche e inverse.

 

Interpretazione delle Divergenze: Per interpretare correttamente le divergenze, il trader deve prestare attenzione ai seguenti elementi:

  • La durata e l'intensità del trend in corso.

  • La forza e la debolezza relativa tra i prezzi e l'indicatore.

  • La conferma di altri segnali tecnici o fondamentali.

È importante notare che le divergenze possono verificarsi su diversi time frame e su una varietà di mercati finanziari, inclusi azioni,indici, forex, commodities e criptovalute. Pertanto, gli operatori di mercato devono essere in grado di riconoscere e interpretare le divergenze nei diversi contesti, valutando il comportamento storico di ciascuno di essi in rapporto ad esempio alla volatilità dello strumento, alla tendenza di un mercato a restare per diverso tempo in ipercomprato/ipervenduto e così via.

Non è raro infatti assistere ad una divergenza che permane per più tempo prima di assistere sui prezzi ad una correzione o inversione di tendenza. Proprio per tale motivo, anzi a maggior ragione è bene implementare le divergenze in una strategia di trading più articolata in cui le divergenze stesse fungano solo da primo anello della catena ovvero quel campanello di allarme di cui abbiamo più volte parlato.

Utilizzo delle Divergenze nelle Strategie di Trading: Le divergenze possono essere utilizzate in una varietà di strategie di trading, inclusi approcci di trend following e di reversal. Il trader può cercare divergenze come parte di un setup di trading completo, combinandole con altri indicatori tecnici, pattern di prezzo e livelli chiave di supporto e resistenza. È importante nuovamente evidenziare che le divergenze possono fornire segnali tempestivi e affidabili, ma devono essere confermate da altri fattori tecnici per aumentare la probabilità di successo delle operazioni.

In conclusione, le divergenze rappresentano uno strumento potente nell'arsenale di ogni trader. La loro capacità di individuare anomalie nel comportamento dei prezzi e degli indicatori fornisce preziose indicazioni sulla possibile direzione futura del mercato. Tuttavia, è fondamentale comprendere i principi di base delle divergenze e integrarli in una strategia di trading completa e ben ponderata. Con la giusta analisi e interpretazione, le divergenze possono diventare un elemento chiave per migliorare le performance della propria strategia di trading.

 

Rate this article

The difference between trading assets and CFDs
The main difference between CFD trading and trading assets, such as commodities and stocks, is that you don’t own the underlying asset when you trade on a CFD.
You can still benefit if the market moves in your favour, or make a loss if it moves against you. However, with traditional trading you enter a contract to exchange the legal ownership of the individual shares or the commodities for money, and you own this until you sell it again.
CFDs are leveraged products, which means that you only need to deposit a percentage of the full value of the CFD trade in order to open a position. But with traditional trading, you buy the assets for the full amount. In the UK, there is no stamp duty on CFD trading, but there is when you buy stocks, for example.
CFDs attract overnight costs to hold the trades (unless you use 1-1 leverage), which makes them more suited to short-term trading opportunities. Stocks and commodities are more normally bought and held for longer. You might also pay a broker commission or fees when buying and selling assets direct and you’d need somewhere to store them safely.
Capital Com is an execution-only service provider. The material provided in this article is for information purposes only and should not be understood as investment advice. Any opinion that may be provided on this page does not constitute a recommendation by Capital Com or its agents and has not been prepared in accordance with the legal requirements designed to promote investment research independence. While the information in this communication, or on which this communication is based, has been obtained from sources that Capital.com believes to be reliable and accurate, it has not undergone independent verification. No representation or warranty, whether expressed or implied, is made as to the accuracy or completeness of any information obtained from third parties. If you rely on the information on this page, then you do so entirely at your own risk.

Sei ancora alla ricerca di un broker di cui ti puoi fidare?

Unisciti agli oltre 610.000+ trader in tutto il mondo che hanno scelto di fare trading con Capital.com

1. Crea e verifica il tuo account 2. Effettua un deposito 3. Trova la tua opportunità